Beijing

Bank of China Head Office Building

I. M. Pei & Partners

Materiali utilizzati

Emperador Dark

Travertino Classico

Campanili

Botticino

Questo progetto, realizzato a Pechino, rappresenta un punto di equilibrio tra tempo, spazio e scopo in un edificio la cui complessità spaziale, stabilità strutturale ed elevata qualità esecutiva rappresentano un progresso sia per il processo sia per il prodotto architettonico. Il progetto parla di Pechino, la cui comunità si arricchisce di un oggetto che si pone armoniosamente tra architettura e natura. Originale e innovativo nel design, l'edificio prefigura il futuro a partire dalle radici culturali del passato. Anche se le norme edilizie di Pechino hanno prodotto masse voluminose di edifici con la stessa altezza e la stessa disposizione rispetto al piano stradale, il nuovo complesso di uffici propone uno standard contemporaneo per l'architettura cinese, un edificio, cioè, aperto e invitante. L'opera di oltre 570.000 metri quadrati ospita 3.000 addetti, un auditorium da 2.000 posti a sedere, una hall di rappresentanza, un punto di accoglienza, servizi di ristorazione e altri servizi a disposizione del personale, un parcheggio capace di 500 auto e 2.000 biciclette, il tutto entro il limite dei 45 metri di altezza consentiti a Pechino. Rivestito in travertino, l'esterno comunica un senso di solidità e di stabilità e definisce con maggior chiarezza il corridoio stradale, un elemento unificante per una città storicamente definita dalle proprie mura.  Si tratta del primo edificio in travertino mai realizzato in Cina: questa pietra dal colore del miele esalta l'aspetto invitante della costruzione, mimetizzando al contempo la polvere gialla che il vento trasporta del deserto di Gobi. Oltre 131.000 metri quadrati di travertino sono stati estratti dalla stessa cava e lavorati con la medesima finitura levigata, per conseguire un particolare senso di coerenza tra esterno e interno. L'edificio si compone di due ali a forma di L che abbracciano un atrio centrale con giardino di quasi 10.000 metri quadrati. Gli uffici degli esecutive si affacciano su Xidan e Changanije, le arterie principali di Pechino. Una vetrata di 59 metri d'altezza si erge dal punto di giunzione dell'ala degli executive. Il giardino mette in risalto un gruppo di rocce naturali provenienti dalla parte più esterna del Parco nazionale cinese della Stone Forest. Bamboo alti 15 metri e finestre a forma di luna piena accoppiate inquadrano lo spazio, catturando l'essenza del giardino attraverso scorci parziali dal perimetro delle aree di camminamento. Questa nuova sede è attualmente uno degli edifici più avanzati del paese dal punto di vista architettonico e tecnologico. La sua raffinatezza è il risultato di una esecuzione molto accurata, frutto dell'impegno di un team di esperti internazionali che ha lavorato a stretto contatto con le maestranze locali.

Testo a cura di Pei Partnership Architects llp